Vademecum sul Vampiro

L'immagine può contenere: una o più persone

Da citando “Il Vampiro” volume pionieristico della figura del vampiro, “Carmilla” la prima donna assetata di sangue, “Dracula” di Bram Stoker oppure il “Nosferatu” muto e in bianco e nero tanto per proporre solo alcune delle innumerevoli opere che la storia o leggenda di questa creatura ha per secoli affascinato e appassionato lettori e cinefili ad oggi, fino ad arrivare a quello che viene definito il “vampiro energetico”. Facendo un sunto della questione in modo generale ricordo che i primi sospetti di vampirismo si sono avuti molti secoli or sono quando, per mancanza di cultura ed esperienza, si attribuivano intorno ai casi apparentemente inspiegabili forze oscure e maligne (come successe anche alle donne nel medioevo alle quali veniva attribuita la stregoneria solo perché curavano per mezzo della natura quella stessa natura che è stata nominata poi scienza naturale quale è, l’erboristeria e la naturopatia) come ad esempio l’inconsueta crescita di unghie denti e capelli di un uomo nel periodo breve ma successivo al suo decesso. Oggi conosciamo il perché, infatti, nonostante il cuore smetta di battere, il corpo umano per moria delle cellule e per mancato ossigeno cerebrale si disidrata e fa sì che questo fenomeno dia l’impressione che ciò avvenga. Anche le malattie come la rabbia hanno giocato un ruolo molto importante in quanto i malati erano scarni, pallidi e non erano propensi a voler stare sotto la luce del sole… Il vampirismo è un argomento molto vasto che ha origini anche tribali e la paura dei morti che tornavano a vendicarsi dall’oltretomba; chi metteva dei pesi sul corpo del defunto, chi lo impalava sul cuore per tenerlo fermo per sempre… troviamo riscontro nella follia collettiva che ha caratterizzato il secolo buio del medioevo poiché la ragione e la sotto cultura non sostenevano i casi di malattie fuori dalla portata di popoli sottosviluppati e questo ha accomunato per moltissimo tempo ogni continente privo di scienza.
Il vampiro dei giorni nostri è il vampiro energetico ovvero quella persona che risucchia le nostre energie vitali con la propria malsana presenza contraddistinta dalla sua persona ricca di invidia e superbia queste ultime però celate da finto buonismo e falsi complimenti. Si tratta di persone che assorbono la positività del prossimo scoraggiando e infierendo con maleficienza mascherata da beneficialitá con i loro discorsi e atteggiamenti che non sono affatto propositivi. Quante volte vi sarete sentiti privati della vostra carica energetica dopo un incontro con tale/i soggetto/i? L’aglio e i paletti di frassino non occorrono bensì sarebbe meglio cambiare tipologia di amicizie e conoscenze.
In ultimo esistono coppie di ragazzi che per lo più come atteggiamento sociale dopo la visione degli ultimi film che enfatizzano il vampiro (ad esempio il più in voga tra i giovani “Twilight”) “giocano” a limarsi i canini affilandoli come delle vere zanne (in realtà sono coinvolti in questo anche persone adulte) che praticano ematofagia come tipo di alimentazione e come un sensuale e delicato scambio d’amore che i partners si concedono in intimità. Con il rischio di incorrere in malattie e altre conseguenze gravi.

(Anastasia Matera)

Leave a reply