Le Sirene

Le sirene sono creature mitologiche con una coda di pesce al posto delle gambe e un busto di donna. La loro particolarità è quella di sedurre tutti i marinai con il loro canto, facendoli scontrare contro gli scogli per poi farli annegare, e Cristoforo Colombo disse di aver visto delle sirene nei pressi delle Antille. Nell’Odissea di Omero, per scongiurare questo ennesimo pericolo Ulisse fece tappare le orecchie al suo equipaggio mentre chiese loro di legarlo all’albero della nave, per poter ammirare il canto mortale delle sirene, senza cedere a buttarsi in acqua. Le sirene sono elencate anche nelle fiabe, la più famosa é quella dello scrittore danese Hans Christian Andersen che nel 1836 pubblicò ‘La Sirenetta’, favola che dopo dall’omonimo film della Disney del 1989 è divenuta il simbolo della città di Copenaghen e le stata dedicata anche una statua. Ma cosa c’è di vero sul mito di queste leggendarie creature, è solo frutto di fantasie o c’è anche qualcosa di vero? Sul mito delle sirene fu realizzato da Discovery Channel un documentario-fiction intitolato ‘Sirene:Il Mistero Svelato’ sulla teoria della ‘scimmia acquatica’ in cui si dice che milioni di anni fa i nostri antenati si sarebbero spinti nei mari per cibarsi e quindi si sarebbero evoluti a essere creature mitologiche, la scienza smentisce il tutto categoricamente.

Il Dottor. Paul Roberton un ex dipendente del NOAA ( Nation Oceanic And Atmospheric Administration) ente americano, sostenne per primo che nel 1997 venne registrato un suono con coordinate 50 S 100 W sopra l’Antartide sulle coste occidentali del Sud America, questo strano fenomeno fu denominato ‘Bloop’e tale suono non poteva appartenere a nessuna specie a noi conosciuta perché solo un enorme creatura poteva emettere tale rumore quindi il Dottor Robertson ipotizzò che potesse trattarsi di una specie di comunicazione di una creatura complessa e intelligente e qui che viene citata la possibilità che fossero un gruppo di sirene che comunicavano tra loro.

Furono anche citati i vari esperimenti della marina americana sui sonar che, che si pensa provocherebbero la morte di parecchie specie di cetacei e di balene sulle spiagge dei mari causate dai danni subiti ai tessuti delle orecchie e del cervello. E proprio uno di questi incidenti è avvenuto nel 2004 nello stato di Washington, qui una strana creatura simile a una sirena fu filmata con un cellulare da dei ragazzini sulla spiaggia,nel posto arrivò subito la marina che prelevò il corpo ancora in vita della creatura portata in qualche centro di laboratorio per essere esaminata e nel documentario si può vedere un ex soldato pentito che dichiarò che la sirena morirà nel 2007.

Paul Robertson insieme al suo team trovò sulla spiaggia del Sud Africa un altro corpo di una creatura ritrovata all’interno dello stomaco di uno squalo bianco insieme a una lancia infilzata nel lato della bocca dello squalo. Portata in laboratorio la creatura fu analizzata e da una ricostruzione computerizzata dell’essere sembrava assomigliare proprio a una sirena con mano palmata e lunga coda a forma di pinna, il cranio dotato di un sistema uditivo sviluppato e di una ‘cresta’. La creatura del Dottor. Paul Robertson una mattina venne prelevata dall’esercito e portata via senza nessun avvertimento da parte delle autorità e da quel giorno si persero le sue tracce.   Dopo la fine di questo documentario c’è ne fu un altro ancora, il sequel intitolato ‘Sirene:Le Ultime Verità’ in redazione ci fu sempre il Dottor. Paul Robertson insieme al Dottor. Schmidt quest’ultimo dichiaro che il 6 Marzo 2013 mentre erano in perlustrazione con un mini sottomarino a una profondità di 900 metri (3000 feet) al largo delle coste della Groenlandia per una trivellazione, ripresero con due telecamere opposte quella che sembra una sirena con occhi fosforescenti e 5 dita palmate che toccano il vetro frontale del sottomarino, le due persone rimasero sbalordite da tale avvistamento e quando dissero di aver ripreso una sirena furono minacciati di non divulgare il filmato a nessuno. Inoltre, stranamente il governo della Groenlandia proibì una futura trivellazione nel suo mare e proibì a chiunque di ritornare nelle sue acque.

Questo, però, non fu l’unico avvistamento ripreso, ce ne furono altri che si vedono in dei documentari , infatti si possono notare altre presunte sirene. Una ripresa venne fatta in Israele, e inoltre sembra che siano stati trovati pesci con lance conficcate addosso.

Una storia curiosa si trova nel circo del Signor P.T.Barnum che nel XIXsecolo disse di possedere una sirena, che nel 1842 fu acquista dal Dr.J.Griffin sulle isole Fiji.

La sirena delle Fiji che molti pensarono fosse una presunta truffa, cosa
poi rilevata, non era altro che uno scheletro di scimmia cucita con coda
di pesce.
Barnum venne a sapere dell’esistenza di un altra ‘vera sirena’
esposta in un altro circo, l’uomo l’ acquisto e la mise al suo
grande museo di New York, ma tragicamente nel 1860 ci fu un terribile
incendio che distrusse l’unica prova dell eventuale esistenza della
sirena.

Nel 2010 dei ricercatori scoprirono negli archivi di Barnum, delle immagini
riguardati i suoi spettacoli e in una di queste compare anche la famosa
sirena.

Il British Museum di Londra espose nel XVIII secolo un esemplare che pare avessero catturato nei mai del Giappone.

In alcuni paesi i delfini aiutano gli uomini nella cattura dei pesci, è possibile che siano state proprio le sirene ad insegnare a cacciare in squadra ai delfini nei mari? Perché le sirene se esistessero si nasconderebbero dall’uomo? Forse perché saremmo in grado solo di sterminarle. L’unica cosa reale di questo documentario è il famoso Bloop del 1997 a cui ancora oggi non si riesce a dare una logica spiegazione, tutto il resto é soltanto una montatura cinematografica, quello che si vede nel documentari sono solo delle riproduzioni costruite dai programmatori e dagli attori che che dirigono lo spettacolo, pero ci fu un grande audience in America appena venne messa in onda la prima parte e poi la seconda che fu obbligatoria a quel punto. I media si facevano mille domande sull’esistenza delle sirene e questo costrinse anche il National Ocean Service ad emettere un comunicato che affermava che nei nostri mari non  esistono creature umanoidi simili a quella umana. Tutti ci chiediamo a questo punto per quale motivo sono stati spesi soldi per trasmettere, in poche parole, un film fantasy? Forse è solo un mezzo di propaganda, la prima sulla teoria della scimmia acquatica dove magari persone  vogliono cercare di portare avanti questo tema, oppure un mezzo per denunciare il governo degli Stati Uniti a causa di questi presunti esperimenti nei mari con i sonar, o anche insabbiare tutto facendoci raccontare una storiella per portarci fuori strada e per poi nasconderci un pizzico di verità. Alla fine conosciamo solo  una piccola parte degli oceani di tutto il mondo e ci sono ancora posti inesplorati non possiamo neanche immaginare, e cosa si può ancora celare nelle acque più profonde? Chissà magari un giorno questa storia fantastica si trasformerà in qualcosa di reale per la felicità quelle persone che credono ancora nel lieto fine di ogni favola.

(Simone Giorgi)

Leave a reply