Category Misteri

Night Crawlers

Nello Yosemite Park in California i nativi del posto riecheggiano di
un’antica leggenda che parla di strani esseri che si dice provengano
dalle stelle, denominati Night Crawlers.

Già si parlava dell’esistenza di queste creature nel lontano 1930,
hanno un aspetto deforme senza un corpo e senza braccia, possiedono la
sola testa e delle gambe , vivono nel bosco e pare che compaiano solo di notte.
Per i nativi locali il Night Crawler è una divinità che viene onorata con
la notte dei Crawlers dove si festeggia la convivenza pacifica con gli
abitanti che pare duri da secoli, e gli sono state anche dedicate delle
raffigurazioni di legno a sua immagine , secondo i testimoni oculari che
hanno incontrato queste creature nei boschi, e sembra che esistano già da
prima della comparsa del primo ess...

Read More

Skinwalker

Lo Skinwalker è una creatura leggendaria capace di trasformarsi in molte
specie di animali spesso in canidi.
A differenza dei lupi mannari, questi mostri effettuano la trasformazione
anche senza la presenza di luna piena.
Si dice che divorino il cuore delle loro prede, dopo averle infettate con
un solo morso, facendola così diventare uno di loro, e grazie al loro
metabolismo sono in grado di guarire ferite mortali, possono essere uccisi
solo con proiettili d’argento.
Nelle leggende Navajo vengono chiamati ‘yenaldooshi’ si dice che
fossero degli umani cosi malvagi da uccidere un loro stretto parente,
girano nudi, indossano solamente una pelliccia di coyote e cacciano di
notte.
Invece nella mitologia Scandinava sono chiamati ‘berserker’,
guerrieri che assumono la resistenza e la forza di u...

Read More

Azzo Bassou, l’ultimo dei Neanderthal

Nel 1931 in Marocco venne scoperta l’esistenza di un uomo di
Neanderthal di nome Azzo Bassou. Molto testimoni affermano di averlo visto
vivere dentro una caverna e mangiare carne cruda.

Le sue caratteristiche fisiche erano completamente diverse da quelle di
qualsiasi gruppo etnico, aveva la fronte sfuggente e un naso largo.
La scienza non volle interessarsi del caso Azzo non prendendo per certo le
notizie che sopraggiungevano con tanto di foto, solo nel 1956 lo scrittore
francese Jean Boullet si reco nella Vallèe du Dadés per cercare
informazioni sul primate e con sua grande emozione venne a sapere che era
ancora vivo e riusci anche a scattare una fotografia.

Anche il professor Marcel Homet sempre alla ricerca di popolazioni
esistenti entrò in possesso di altre fotografie di Azzo, quin...

Read More